produzione di energia da fonti rinnovabili

energie rinnovabili

Produrre energia da fonti rinnovabili significa tutelare l’ambiente riducendo le emissioni di CO2 e altri inquinanti, e al tempo stesso conseguire vantaggi economici grazie al minor consumo di combustibili fossili e allo sfruttamento di eventuali incentivi.


 

EnergeticAmbientale e Bizzo Studio Associato offrono i propri servizi di progettazione e consulenza per la realizzazione di impianti di produzione energetica da fonti rinnovabili a privati cittadini, aziende ed enti pubblici che desiderano approcciarsi ai nuovi sistemi energetici disponibili sul mercato.

 

Impianti solari fotovoltaici

L'esigenza di creare una sempre maggiore indipendenza energetica dalle fonti fossili e i continui aumenti dei costi dell'energia hanno portato negli ultimi anni una affermazione, su tutto il territorio nazionale, degli impianti solari fotovoltaici connessi alla rete elettrica pubblica.

L'installazione di un impianto fotovoltaico a servizio di una attività industriale, di una azienda agricola o di una abitazione privata permette oltre ad ottenere incentivi-premio per la produzione di energia da fonte fotovoltaica anche un notevole risparmio sui costi della bolletta elettrica poiché nei periodi in cui l'impianto produce energia, le utenze utilizzano direttamente l'energia autoprodotta evitando quindi l'acquisto della stessa energia dall'azienda fornitrice. E' permesa anche l'installazione di impianti utilizzati per l'esclusiva vendita di energia e senza prevederne l'autoconsumo, in questo caso oltre all'incentivo-premio sopra descritto è previsto un mecanismo di vendita dell'energia prodotta ad un gestore che ritira tale energia tramite la rete elettrica nazionale per poi distribirla ad altri utenti

Alcuni esempi di impianti realizzati


Stabilimento industriale

studio oimbre impianto fotovoltaico                  impianto fotovoltaico su industria
studio delle ombre                                                          impianto realizzato

Edificio scolastico
studio ombre impianto fotovoltaico su scuola          impianto fotovoltaico su scuola
studio delle ombre                                                            impianto realizzato

Mensa scolastica

progetto impianto fotovoltaico             impianto fotovoltaico
studio delle ombre                                                             impianto realizzato

 

Impianti solari termici

Gli impianti solari termici, sfruttano l'energia solare per produrre calore.

L'impianto è costituito da collettori (i pannelli solari) in grado di assorbire il calore contenuto nella radiazione solare e da un serbatoio termicamente isolato in cui immagazzinare il calore sotto forma di acqua calda per poterlo prelevare al momento del bisogno.

Le applicazioni sono diverse e spaziano dalla produzione di acqua calda per usi sanitari all'interno di edifici residenziali e non, quali ad esempio strutture ricettive, palestre, piscine, all'integrazione degli impianti di riscaldamento all'interno degli stessi edifici, fino ad arrivare alla produzione di acqua calda ad alta temperatura per processi industriali.

L'installazione di questi impianti può usufruire, fino a dicembre 2014, di incentivi come le detrazioni fiscali del 65%  per le spese per interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti.

 

Impianti di riscaldamento a biomassa combustibile

Nel panorama delle energie rinnovabili un importante ruolo è ricoperto dagli impianti di riscaldamento alimentati da biomassa combustibile, impianti in cui il generatore di calore (caldaia) utilizza come combustibile la biomassa, solitamente legnosa (legna, pellet, cippato di legname).

I materiali combustibili rientranti nella categoria "fonti rinnovabili" sono identificati dal Decreto Legislativo n°152 del 3 aprile 2006, di seguito elencati:

  • Materiale vegetale prodotto da coltivazioni dedicate;
  • Materiale vegetale prodotto da trattamento esclusivamente meccanico di coltivazioni agricole non dedicate;
  • Materiale vegetale prodotto da interventi di selvicoltura, da manutenzione forestale e da potatura;
  • Materiale vegetale prodotto dalla lavorazione esclusivamente meccanica di legno vergine e costituito da cortecce, segatura, trucioli, chips, refili e tondelli di legno vergine, granulati e cascami di legno vergine, granulati e cascami di sughero vergine, tondelli non contaminati da inquinanti;
  • Materiale vegetale prodotto dalla lavorazione esclusivamente meccanica di prodotti agricoli;
  • Sansa di oliva disoleata ottenuta dal trattamento delle sanse vergini con n-esano per l'estrazione dell'olio di sansa destinato all'alimentazione umana, e da successivo trattamento termico;
  • Liquor nero ottenuto nelle cartiere dalle operazioni di lisciviazione del legno e sottoposto ad evaporazione al fine di incrementarne il residuo solido.

La conversione energetica della biomassa può essere effettuata attraverso la combustione diretta, oppure previa pirolisi o gassificazione.

Le caldaie a biomassa di ultima generazione hanno rendimenti di combustione estremamente elevati (fino al 90%); sono disponibili sia di piccola taglia, idonei per edifici ad uso civile, che di grande potenza per edifici industriali o abitazioni plurifamiliari. Inoltre grazie all'elevata efficienza permettono di raggiungere una autonomia fino a 12 ore tra una carica di combustibile e l'altra.

Le caldaie a biomassa permettono di ottenere una completa indipendenza dalle fonti energetiche fossili poiché sono in grado di sostituire completamente i generatori di calore tradizionali (caldaie a gas) sia per quanto riguarda il riscaldamento degli ambienti che per la produzione di acqua calda ad uso sanitario.

Alcuni esempi delle biomasse combustibili legnose più diffuse

Legna Pellet Cippato di legna

 

Impianti di cogenerazione

Tali sistemi sono composti da motori endotermici (motori a scoppio o a ciclo diesel) che utilizzano come carburante gas metano di rete, biogas ottenuti dalla fermentazione di biomassa da coltivazione oppure olio vegetale che può essere di colza, di soia, di palma o di altre coltivazioni specifiche.

Funzionamento: il motore in fase di funzionamento produce contemporaneamente energia termica sotto forma di acqua calda o di acqua surriscaldata ed energia meccanica che viene a sua volta trasformata in energia elettrica con appositi generatori. L’energia elettrica prodotta viene utilizzata per alimentare le utenze evitando quindi di acquistare energia dal gestore della rete elettrica pubblica, l’energia termica può essere utilizzata per soddisfare le esigenze termiche di processi produttivi o di riscaldamento di edifici posti nelle immediate vicinanze, oppure utilizzando appositi gruppi frigoriferi, utilizzata per la climatizzazione estiva in questo caso si parla di trigenerazione.

Gli impianti di cogenerazione disponibili sul mercato sono di diverse dimensione, dai più piccoli idonei per abitazioni mono o plurifamiliari (5-20 kW) fino a quelli di grande taglia idonei a grandi stabilimenti industriali.

Ulteriori approfondimenti 

Incentivazione per opere di efficienza energetica DM 28/12/2012 >> conto termico

Social menu


scrivi a energeticambientale facebook energeticambientale linkedin Energeticambientale
 

scorrimento menu

  • click per aprire
  • click per aprire

scrivi a energeticambientale facebook energeticambientale linkedin Energeticambientale

 

 

 

info EA

  

Energia

                                            

Ambiente

 

                                                    

EnergeticAmbientale

è un progetto di
Bizzo Studio Associato

via Tondelli n.8

42015 Correggio (RE)

tel. 0522 641569

CF / P.IVA 02564390355

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.